Panorama - Milano

È scomparso ieri mattina a Camogli, nel genovese, per un improvviso malore, il politologo Giorgio Galli, uno dei massimi storici italiani della scienza politica. Nel celebre “Il bipartitismo imperfetto. Comunisti e democristiani in Italia”, pubblicato nel 1966 da “Il Mulino”, aveva auspicato, tra l’altro, la necessità che “la democrazia parlamentare rappresentativa italiana, che funziona tanto mediocremente” dovesse necessariamente essere comparata con “le democrazie parlamentari rappresentative che funzionano meglio”.  

  • Il politologo Raniolo: « Il suo “Bipartitismo imperfetto” è una pietra miliare nella scienza politica contemporanea ».
  • Il pedagogista Caligiuri: « Le sue lezioni sui misteri italiani hanno incantato centinaia di studenti ».
  • Lo storico Bruti Liberati: « La sua cultura sterminata andava di pari passo alla sua generosità, immutata nel tempo ». 

A 106 anni dalla nascita dello scrittore di Mogliano Veneto, di cui l'editore Neri Pozza sta ripubblicando le opere, Panorama.it ripercorre la parabola umana e culturale di una delle personalità più affascinanti della letteratura italiana del secondo Novecento. Da Il cielo è rosso, a Il brigante, da Il male oscuro, a La Fantarca, da Anonimo veneziano alle riflessioni sulla Calabria, Giuseppe Berto (1914-1978) ha impersonato la figura dell’intellettuale che fa i conti con la sua stessa esistenza dolorosa, sin dentro le pieghe più intime della propria anima, agitata da tristezza (in abbondanza) e gioia (a macchia di leopardo). Dopo essere approdato sul promontorio calabrese di Capo Vaticano, decise di stabilirvi il suo buen retiro. Per l’eternità…

Il popoloso centro della costa settentrionale calabrese, sta vivendo anni di instabilità politico-amministrativa, culminati con l’arresto, dal 2013, di ben tre dei suoi ultimi sindaci   
Per capire cosa stia succedendo nella cittadina calabrese, an cora alla ribalta della cronaca giudiziaria nazionale all’indomani della inchiesta “Re Nudo” che ha condotto dietro le sbarre il terzo sindaco negli ultimi sette anni, Panorama.it ha cercato di riannodare i fili di una lunga stagione di instabilità politico-amministrativa, interpretando gli umori dell’opinione pubblica, la rabbia degli intellettuali e le attese della nuova classe politica. Per voltare pagina.

Il giorno del funerale di Paolo Rossi, Panorama lo ricorda intervistando tre personaggi che hanno conosciuto il grande Pablito.

Antonello Cuccureddu: «Arrivò alla Juve cinque anni dopo di me: mi colpì la sua straordinaria educazione»
Pasquale Gallo: «Arrossiva facilmente, umile come solo i veri grandi sanno essere»
Tonino Raffa: «Il mio esordio, con lui, il 16 maggio del 1982, nel giorno della seconda stella bianconera»

Sono passati poco più di 38 anni dall'indimenticabile Mondiale del 1982, iniziato nella penombra e proseguito nel fulgore più esaltante di forza calcistica e gioia collettiva. Oggi l'Italia intera assiste attonita ai funerali di quell'eroe italico in terra spagnola. Paolo Rossi, toscano di Prato, classe 1956, è prematuramente scomparso il 10 dicembre al Policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena, dov'era ricoverato all'indomani dell'aggravamento delle sue condizioni di salute, compromesse a causa del tumore ai polmoni diagnosticatogli in primavera.
Ricorda Fausto Colombo, sociologo della comunicazione e della cultura alla Cattolica di Milano, nel suo bel libro Il paese leggero. Gli italiani e i media tra contestazione e riflusso (Laterza, 2012) che «(…) nel ricordo diffuso di molti spettatori televisivi degli eventi del 1982, l'eroe eponimo di quella vittoria, Paolo Rossi, poteva essere discusso per i suoi comportamenti e la squalifica che vi aveva fatto seguito, ma dopo il Mundial la sua immagine fu trasfigurata in quella dell'uomo sconfitto che comunque gioca la sua partita e trova il suo riscatto (…)».
Panorama.it ha raccolto ricordi ed emozioni di chi ha vissuto, da diverse angolature, alcuni momenti esaltanti della carriera di Pablito.

Per capire cosa sta succedendo nella regione, Panorama.it ha intervistato sei intellettuali calabresi. Salle loro parole emergono luci e ombre, speranze e drammi della terra <<amara>>

Questa volta non occorre tirare in ballo né Guido PioveneGiuseppe Berto e neanche Cesare Pavese che calabresi non lo erano nemmeno lontanamente salvo, poi, innamorarsi di questa terra appena vi misero piede per i motivi più disparati: Berto, addirittura, si fece seppellire nella “sua” Capo Vaticano, nel vibonese, dopo donchisciottesche battaglie in difesa di uno dei promontori più belli al mondo. E non occorrerà neanche citare i grandi viaggiatori mittleuropei che tra il XVIII ed il XX secolo scelsero la Calabria come meta del tradizionale Bildungreise, quel viaggio di istruzione e formazione tipico delle classi agiate e colte delle società europee. Corrado Alvaro, nel 1931, non perderà occasione per parlare di “paese e gente difficile”, mentre toccherà a Leonida Répaci definirla addirittura “amara”: e misteriosa, a causa del paesaggio descritto nelle pagine di quegli antichi girovaghi romantici. Da qualche decennio, quel mistero paesaggistico ha lasciato il posto a sfumature politico-criminali, socio-culturali ed insieme psico-antropologiche che si pensava consegnate alle cronache ma che, invece, sono ritornate a materializzarsi nel giro di poche settimane, tra la seconda ondata della pandemia, la prematura scomparsa della presidente Jole Santelli, la consueta cronaca politico-giudiziaria e l’implosione dell’atavica carenza ospedaliera, aggravata da dimissioni e rifiuti a catena per la poltrona di commissario regionale alla sanità.  

Dopo 32 anni a Mediaset, il giornalista televisivo continua ad occuparsi di informazione, E ha appena pubblicato un libro sul <<miraggio dell’uguaglianza>>
“Ho incentrato il focus del mio ultimo saggio sulla disuguaglianza, un tema da sempre vasto ed affascinante, ancor oggi irrisolto”.

Claudio Brachino, classe 1959, viterbese di nascita e milanese d’adozione, giornalista televisivo, saggista ed editorialista, è stato vicedirettore e storico anchorman di Studio Aperto, il telegiornale di Italia 1, e direttore di Videonews, la testata giornalistica che si occupa, dal 1987, dei diversi programmi d’informazione e approfondimento giornalistico in onda sulle tre più importanti reti generaliste del Gruppo Mediaset, nonchè di Sport Mediaset e di Radio Montecarlo News. Negli anni ha creato, condotto e diretto contenitori televisivi di ampio successo di pubblico come Top Secret, Mattino5, Tiki Taka, Quarta Repubblica e Matrix, pubblicando Top Secret, Chi ha ucciso Lady D? e, con la giornalista Barbara Benedettelli -sua moglie dal 2003- I delitti del condominio. Storie di vicini che ammazzano.

Torna su